Le veci del Perdigiorno


Testo

Feb 4, 2013
@ 10:01 am
Link permanente
1 nota

STRAVICINO 8#

Guardiagrele - La mutante tritettuta di Total Recall mi porta ad accostamenti inaspettati con il borghetto abruzzese di Guardiagrele, ameno ricettacolo adagiato ai piedi della Majella, ad un passo dalle avventure paesaggistiche di Bocca di Valle e sulla strada dell’oscura Pretoro. Il suo nome già ci dà una sensazione di fortino, il paese è a guardia di qualcosa: controlla e sorveglia la triplice tentazione a forma di zinne della sua tradizione. Dovete trovare il posto giusto (la pasticceria Lullo) e senza arrossire o inventarvi eufemismi chiedete una Sisa delle monache (pare che il poeta indigeno Modesto della Porta l’abbia battezzata così). Avrete una capezzoluta leccornia ripiena che non saprete come aggredire. La città con il suo lungo viale vi inviterà alla digestione e mentre ottundete il picco glicemico capirete perché è uno tra i borghi più belli d’Italia //MT

Le Sise delle Monache le trovate qui, ma guardate che non fanno le consegne a domicilio…


Foto

Feb 4, 2013
@ 7:00 am
Link permanente
3 note


STRAMONDAY
"Rude" // Ruggio
flickrtumblr

STRAMONDAY

"Rude" // Ruggio

flickrtumblr


Testo

Feb 3, 2013
@ 5:44 pm
Link permanente

STRAFUMETTO 8#

image

Anilingus. Barebacking. Bugchasing. Bukkake. Creampie. Cunnilingus. Fellatio. Fisting. Gang Bang. Gerbilling. Gokkun. Postillonage. Threesome. E potremo andare oltre se chi scrive non avesse un limite di caratteri a disposizione. Non provateci a spiegazzare la pagina per non permettere al vostro vicino di posto di leggere i suddetti termini, anche perché senza immagini a corredo non ne capirebbe mai il significato, ma voi sì che lo conoscete, peccatori che non siete altro. Vergogna!

Bene, ricomponetevi dopo questo inizio spumeggiante e pensate agli attori/attrici che vi vengono in mente quando immaginate le pratiche sessuali precedentemente menzionate: in definitiva, lussuriose donne formose e aitanti glabri maschioni. Ma così è facile, così vi fermerete solo ai confini convenzionali del vizio e così son buoni tutti!

Il protagonista di Ciccia, fumetto di Dave Cooper pubblicato da Comma 22, invece quei confini li varca facendo entrare nella sua vita la sprovveduta e innocente Tina, una sorta di archetipo di quanto ci può essere di più sbagliato nell’ambito dell’estetica femminile. Lui, un artista da sempre dedito al bello, in un periodo di crisi mistica, viene colto totalmente alla sprovvista da questo obbrobrio fatto donna che gli bussa alla porta e ne diventa dipendente, succube tanto da non poter fare a meno di abbandonarsi con lei ai più lascivi istinti. L’abbondante carnalità della ragazza, imperfetta e disgustosa, diventa la sua torbida ossessione, il tarlo che non gli concede riposo.

Il tratto ansioso, irrequieto rende alla perfezione il sentire del protagonista, dando vita a un’opera grottesca, storta, che rende il lettore uno spettatore morboso delle inenarrabili perversioni dell’autore. Una lettura perfetta per celebrare l’incombente Santo Natale. //FdC

Che aspettate? Compratelo, maniaci!


Foto

Feb 3, 2013
@ 3:10 pm
Link permanente
1 nota


“Ferita” //Sabrina Caramanico
flickrfacebook

“Ferita” //Sabrina Caramanico

flickrfacebook


Foto

Feb 1, 2013
@ 12:00 am
Link permanente


Poche parole, ragazzuoli. NON potete mancare. More info? Click qui

Poche parole, ragazzuoli. NON potete mancare. More info? Click qui


Foto

Gen 31, 2013
@ 10:46 am
Link permanente
2 note


Meraviglie del creato e spiriti santi. Sempre lì alla Tazza D’Oro a Porto D’Ascoli. Avete impegni per questa domenica?

Meraviglie del creato e spiriti santi. Sempre lì alla Tazza D’Oro a Porto D’Ascoli. Avete impegni per questa domenica?


Foto

Gen 31, 2013
@ 10:00 am
Link permanente


9 febbraio. A Pescara. Humani.
info

9 febbraio. A Pescara. Humani.

info


Testo

Gen 30, 2013
@ 5:29 pm
Link permanente

La Falsa Notizia 8#

La mente s’è porca! La mente s’è porca tutti!”e urla strazianti come spasmi. Poi fino allo sfinimento: “La spezia s’è scorta la spezia s’è scorto!” e dopo un silenzio inquietante. Con gli occhi ancora confusi Alan Paternocchio, 36 anni, racconta ai nostri taccuini increduli la sua versione dopo che la cronaca locale lo ha etichettato come drogato e patetico pervertito.

Ma cosa è accaduto la notte del 30 ottobre in contrada Borra, caratteristico viale del centro storico d’Assino? Spiega lui stesso con voce grave: “Tornavo a casa dopo una bevuta in trattoria e mi sentivo felice, tranquillo, una piacevole serata insomma. Pagai il conto e fui cacciato dal locale. Quando mi rialzai da terra salutai gli amici e 5 minuti dopo rientrai a casa. Fu lì che vidi quest’uomo con un panno verde intorno al capo. Dentro casa mia, vicino all’ingresso, immobile. Dopo di che il buio.”

Più di 20 minuti di vuoto ci racconta la nuda cronaca e i testimoni della vicenda che narrano di un Paternocchio completamente in delirio che aggrediva i passanti sotto casa privo di pantaloni.

“Si è lanciato fisicamente contro le vetrine dei negozi! La nostra l’ha completamente sfondata. Era pieno di sangue!” racconta Margherita, la fornaia di contrada Borra, che continua: “E’ entrato dalla vetrina rompendo tutto, urlando qualcosa come “La fava s’è folta! La fata s’è rotta tutta!” Il giovane si difende: “Io l’ho visto l’uomo col cappuccio verde! Sono riuscito anche a fotografarlo! Dopo ho come l’impressione di aver subito violenze di tutti i tipi. Non ricordo altro. Ero fuori di me!”

Su di lui pendono ben dodici denunce per danni a cose e persone ma nessuno si spiega i motivi di questo inquietante comportamento. C’era davvero l’uomo in verde? Era un ladro colto sul fatto? Un fantasma? Una fantasia della mente infelice di Alan? Di sicuro un’altra triste storia di solitudine contemporanea. //FB


Testo

Gen 30, 2013
@ 5:27 pm
Link permanente

Borotalco 8#

image

C’è solo una cosa che conta, anzi due: la curiosità ed il sogno. Sognare, inoltrarsi a mare aperto e navigare verso ciò che più si desidera, si ama, si brama, infinite sono le strade e gli scopi prefissi, molteplici le variabili di stile, unica la forza propulsiva.

Bisogna Averci la mente porca; e sì! Eccolo il quanto mai gustoso ed appropriato tema per il mese natalizio. Non di solo cibo ma di sogni e sapere, di arte e musica e progetti ambiziosi sia costellato il nostro cielo interiore! Ed allora via, avanti tutta! Si salpa!

1957. Memphis, Tennese. Jim Stewart, violinista western- swing per passione, bancario per necessità. Di musica nera non ne sa nulla. Ama registrare dischi, stamparli, vuole mettere su un’etichetta, contagia sua sorella Estelle, la invoglia così tanto che lei decide di ipotecarsi casa per acquistare un Ampex mono professionale.

1960. Quando tutto sembra già perso, compare un certo Rufus Thomas, ha una canzone: Cause I love you. Vende in tutto il Sud, il brano porta già con sé i tratti distintivi di quella che diverrà l’etichetta soul per antonomasia: la Stax Records. Il luogo dove in assoluto l’Utopia Americana è andata più vicino a realizzarsi, l’unico posto nei primi anni Sessanta in cui bianchi e neri lavoravano insieme in armonia ed amicizia. Una cosa a quei tempi inaudita. Addirittura sarà un gruppo di ragazzi bianchi, i Mar Keys a firmare il singolo più importante del suono Stax: Last Night.

1962. Se non fosse già abbastanza, se la realtà non avesse già superato il sogno, già in vetta alla classifiche, un bel giorno uno sconosciuto si presenta alle porte producendosi in una scadente imitazione di Little Richard, il suo nome è Otis Redding. Botto finale? Sapete come si chiamava l’etichetta prima di essere ribattezzata Stax Records? Satellite Records. A voi le congetture. Buon Natale. //iMD


Foto

Gen 29, 2013
@ 11:01 am
Link permanente
1 nota


Tutti al Beat Cafè questo venerdì!

Tutti al Beat Cafè questo venerdì!